Agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Chieti e Pescara

L'agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Chieti e Pescara si occupa del settore giuridico fornendo ai professionisti risposte e soluzioni alle loro esigenze attraverso sistemi editoriali integrati, cartacei e digitali.

Webinar

CLINICAL RISK MANAGEMENT
CLINICAL RISK MANAGEMENT
A partire da:
€ 580.00
€ 490.00

IL METAVERSO
IL METAVERSO
A partire da:
€ 160.00
€ 130.00

I GIOCHI ONLINE
I GIOCHI ONLINE
A partire da:
€ 190.00
€ 165.00

Le tue prenotazioni

Non hai ancora prenotato alcun libro.

Assistenza

NEWS
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: la Fornero è (ancora una volta) incostituzionale
Il requisito del carattere “manifesto” dell’insussistenza del fatto posto a base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, richiesto per disporre la reintegra, è indeterminato, prestandosi ad incertezze applicative e potendo condurre a soluzioni difformi, con conseguenti ingiustificate disparità di trattamento: di fatto, tale requisito demanda al giudice una valutazione sfornita di ogni criterio direttivo e, per di più, priva di un plausibile fondamento empirico.

Rimane schiacciata dalle porte automatiche di un supermercato: è un danno da responsabilità extracontrattuale
La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso dell’erede di una donna che aveva riportato gravi lesioni fisiche a seguito di uno schiacciamento causato dal malfunzionamento nella chiusura delle porte automatiche di un supermercato.

Consiglio di Stato: al via modelli e standard per l’assistenza territoriale del Sistema Sanitario
La Sezione normativa del Consiglio di Stato ha reso il parere relativamente allo Schema di decreto del Ministro della Salute, per la riorganizzazione dei servizi sanitari nazionali.

Reati in presenza di minore: quando è configurabile l’aggravante ex art. 572, comma 2, c.p.?
«È legittima la qualificazione della circostanza aggravante relativa alla commissione del fatto in presenza di un minore, ai sensi dell'art. 572, comma 2, c.p., e non dell'art. 61, n. 11-quinquies, c.p., nell'ipotesi in cui, a fronte di reiterate condotte vessatorie poste in essere con continuità prima dell'entrata in vigore della l. n. 69/2019, successivamente al 9 agosto 2019, sia stata commessa anche solo una condotta alla presenza di un minore».

L’Europa, l’Italia e le pensioni
L’Europa spesso bacchetta l’Italia sulle pensioni, per esempio su quota 100 e sugli assegni di reversibilità. Per contro il Presidente dell’INPS sostiene invece che il sistema pensionistico è solido e sostenibile.

Ecco tutte le società sanzionate dal Garante Privacy
Inidonea informativa resa agli utenti da parte di due società di trasporto automobilistico privato; mala gestio dell’account di posta aziendale di una collaboratrice esterna; utilizzo senza consenso dei dati di un cliente per finalità promozionali. Questi i temi trattati dal Garante Privacy nella Newsletter del 19 maggio 2022, n. 489.

Alla Corte di Giustizia la norma che impedisce la detrazione IVA alle società di comodo
Possibile violazione del diritto unionale rispetto all’indetraibilità dell’IVA prevista per le società di comodo: la norma nazionale, infatti, potrebbe violare il diritto di neutralità dell'imposta sul presupposto che l’ente rimarrebbe definitivamente inciso senza alcuna possibilità di rivalsa.

Omesso versamento IVA: la stretta della Corte di Cassazione su elemento soggettivo e presupposti per invocare una causa di forza maggiore
«Il delitto di omesso versamento dell’imposta sul valore aggiunto presenta natura di delitto omissivo proprio unisussistente, punito a titolo di dolo generico, desumibile dalla consapevolezza della sussistenza dell’obbligo tributario violato dal contribuente».

Assegni vitalizi ai familiari della vittima del terrorismo anche se quest’ultima è deceduta prima dell’entrata in vigore della legge n. 147/2013
Respinta la tesi proposta dal Ministero dell’Interno, secondo cui è indispensabile per godere dei benefici previsti che il soggetto portatore dell’invalidità sia vivo al momento dell’entrata in vigore della legge.

Ministero della Giustizia, magistrati, avvocati e notai uniti per promuovere la legalità tra i giovani
Una commissione di lavoro paritetica tra il Ministero della Giustizia, l’Associazione Nazionale Magistrati, il Consiglio Nazionale del Notariato e il Consiglio Nazionale Forense studierà le modalità operative per la realizzazione delle iniziative volte a diffondere una «cultura della legalità», coinvolgendo anche le proprie reti territoriali.

Lecca la bocca di una ragazzina: condannato per violenza sessuale
Fondamentale il racconto fornito dalla vittima dell’aggressione messa in atto da un autista di autobus e corroborato dalle dichiarazioni dei testimoni. Evidente, secondo i Giudici, la piena valenza erotica dell’azione compiuta dall’uomo.

Messaggi di minacce e di invettive lascati sullo smartphone del figlio e destinati alla moglie: marito condannato per stalking
Irrilevanti i dubbi sui presunti appostamenti compiuti dall’uomo ai danni della consorte. Prevalente, invece, la sostanza dei messaggi scritti e vocali destinati alla donna, che, dal canto proprio, ha fatto presente lo stato di ansia e di timore vissuto a causa dei comportamenti del marito.

L’esimente del diritto di critica difensiva vale per gli esposti?
L’esimente previsto dall’art. 598 c.p. attiene agli scritti difensivi in senso stretto, pertanto «non è applicabile agli esposti inviati al Consiglio dell’Ordine forense, in quanto l’autore dell’esposto non è parte nel successivo giudizio disciplinare».

Le Sezioni Unite si pronunciano in merito ai presupposti per la sussistenza della giurisdizione della Corte dei Conti
Affinché sussista la giurisdizione della Corte dei Conti, il rimprovero mosso agli incolpati deve concernere l’omessa attivazione dei poteri loro attribuiti dalla legge al fine di evitare o contenere il danno provocato al pubblico erario.

Natura giuridica del diritto vantato dal coniuge non titolare di azienda sui beni della stessa ex art. 178 c.c.: reale o creditizia?
Nel caso di impresa riconducibile ad uno solo dei coniugi, costituita dopo il matrimonio e ricadente nella c.d. comunione de residuo al momento dello scioglimento della comunione legale, all’altro coniuge spetta un diritto di credito pari al 50% del valore dell’azienda, quale complesso organizzato, determinato al momento della cessazione del regime patrimoniale legale, e al netto delle eventuali passività esistenti alla medesima data.

Obbligo di dimora: il cambio di rotta della Cassazione in merito ai poteri del GIP nell’applicazione della misura
Per i Giudici della Terza Sezione penale, «non viola il principio della domanda cautelare il giudice che, adito della richiesta di applicazione della misura cautelare dell'obbligo di dimora, d'ufficio prescriva all'indagato di non allontanarsi dall'abitazione in alcune ore del giorno, ai sensi dell'art. 283, comma 4, c.p.p.».

Misure cautelari, la relazione annuale presentata dal Ministero della Giustizia
Il Ministero della Giustizia ha presentato al Parlamento la Relazione annuale sulle “Misure cautelari personali e riparazione per ingiusta detenzione – 2021”. La Relazione contiene i dati sulle misure cautelari personali e sulle sentenze di riconoscimento del diritto alla riparazione per ingiusta detenzione.

Espropriazione immobiliare: quando può intervenire il creditore?
«Il creditore che, al momento del pignoramento, ha un diritto di prelazione risultante da pubblici registri può intervenire nel processo di espropriazione forzata anche se non munito di titolo esecutivo […]».

Condominio: legittime le telecamere?
Per installare le telecamere occorre l’autorizzazione del Condominio? Rispondere a quesiti simili non è mai facile in quanto occorre contemperare opposte esigenze: da un lato la sicurezza, dall’altra il diritto alla privacy. Una risposta e stata fornita, recentemente, dalla Corte d’Appello di Catania.

“Babbo non mi scocciare: la religione me la scelgo io, non mi puoi imporre la tua!”
Tempi duri per i padri moderni: dopo il TAR Lazio n. 3209/22 sul fisico romano che aveva cambiato il cognome alla figlia di cui aveva “scordato” l’esistenza, la CEDU ha affrontato una guerra dei Roses in salsa maremmana in cui il padre lamentava una lesione della sua serenità familiare ed una discriminazione per la diffida, ottenuta dall’ex moglie, ad educare la figlia nella religione cui si era convertito dopo la rottura della convivenza. Per la CEDU non c’è stata nessuna lesione dei suoi diritti piuttosto di quelli della minore che deve essere libera di scegliere la propria religione autonomamente, stante l’onere di entrambi i genitori di educarla.

GIUFFRÈ FRANCIS LEFEBVRE S.P.A.
Agenzia di Chieti e Pescara
SEGUICI SU
Paolo Campi
via Virgilio 23, 65127 Pescara (PE)
P.IVA 01531220687
085.4710115 - 3284719475  -  
giuffre francis lefebvre
© Giuffrè Francis Lefebvre S.p.A. - Capitale Sociale € 2.000.000 i.v. - Sede legale: via Busto Arsizio, 40 - 20151 Milano P.IVA 00829840156 | Società a socio unico. Società soggetta alla direzione e coordinamento di Lefebvre Sarrut Société Anonyme | Governance | Privacy