Agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Chieti e Pescara

L'agenzia Giuffrè Francis Lefebvre di Chieti e Pescara si occupa del settore giuridico fornendo ai professionisti risposte e soluzioni alle loro esigenze attraverso sistemi editoriali integrati, cartacei e digitali.

Novità della settimana

IVA 2022PROMO

IVA 2022

€ 107.00 € 101.65

MEMENTO PRATICO - IVA 2022PROMO

MEMENTO PRATICO - IVA 2022

€ 127.00 € 120.65

copertina del libro assente

CODICE CIVILE

€ 320.00

Le tue prenotazioni

Non hai ancora prenotato alcun libro.

Assistenza

NEWS
CNF: il regime di incompatibilità tra Ufficio per il Processo e avvocati
Il CNF invita il Governo ed i Ministri per la Pubblica Amministrazione e della Giustizia ad introdurre, in via d’urgenza, disposizioni idonee a scongiurare i rischi di conflitti di interesse.

La minoranza profetica e il contributivo puro
Dopo “Il mito del deficit” di S.K., oggi consiglio il libro di A.V. “Il capitalismo finanziario oltre il capitalismo. Lotta per la libertà e il socialismo”, febbraio 2021, Mondadori.

Reddito di cittadinanza: non è irragionevole il requisito del permesso di soggiorno di lungo periodo
«Il reddito di cittadinanza non è una semplice misura di contrasto alla povertà ma persegue diversi e più articolati obiettivi di politica attiva del lavoro e di integrazione sociale. Poiché il suo orizzonte temporale non è di breve periodo, la titolarità del diritto di soggiornare stabilmente in Italia non è un requisito privo di collegamento con la ragion d’essere del beneficio previsto».

Giudizio immediato ed evidenza della prova
È possibile avanzare istanza di giudizio immediato solamente se la persona sottoposta alle indagini sia stata interrogata sui fatti da cui emerge l'evidenza della prova.

La decurtazione degli onorari per le difese d’ufficio viola la Cedu
Per la CEDU la decurtazione degli onorari dei difensori d’ufficio (e per analogia, seppure non menzionata nella sentenza in esame, per i gratuiti patrocini) costituisce una lesione dei diritti economici dei legali (deroga all’art.1 prot. 1) che non possono rifiutare l’incarico, pena sanzioni disciplinari. La decurtazione deve essere prevista da una base legale: «l'esistenza di una base giuridica nel diritto nazionale non è sufficiente, in quanto tale, a soddisfare il principio di legalità. Inoltre, questa base giuridica deve avere una certa qualità, quella di essere compatibile con lo Stato di diritto e di offrire garanzie contro l'arbitrarietà».

Caduta cornicione dal Condominio: quando è possibile ottenere il risarcimento del danno?
Ai fini del risarcimento del danno, è necessario dimostrare il nesso di causalità tra il distacco del cornicione e il danno realmente subito.

Sul fallimento e i crediti vantati nei confronti della società fallita
«Il combinato disposto degli artt. 45 l.fall. e 1264 c.c. viene in rilievo, sotto il profilo dell’opponibilità della cessione, solo in caso di fallimento del debitore cedente, poiché la disciplina di riferimento, relativa alla circolazione dei diritti ex art. 2914 e ss. c.c., mira a dirimere i possibili conflitti tra più cessionari ovvero tra i cessionari e i creditori del cedente».

I permessi premio del detenuto silente per scelta e silente suo malgrado
Sollevata la questione di legittimità costituzionale sull’art. 4-bis, comma 1-bis della l. n. 354/1975 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà) nella parte in cui prevede che i permessi premio possano essere concessi ai condannati «che abbiano ottenuto la collaborazione impossibile e inesigibile», nel caso in cui sia accertata la sola assenza di collegamenti attuali con la criminalità organizzata.

La Corte di Cassazione sul giudizio di rinvio
«Nel giudizio di rinvio, qualora, in presenza di una pronuncia di condanna emessa in primo grado, intervengano difformi decisioni d’appello, la prima, assolutoria, poi annullata, e la seconda, di condanna, emessa all’esito del giudizio di rinvio derivato dall’annullamento da parte della Corte di Cassazione, in relazione a quest’ultimo non sussiste alcun obbligo di rinnovazione della prova dichiarativa decisiva, poiché in tal caso si configura un’ipotesi di “doppia pronuncia conforme” che salda la condanna all’esito del giudizio rescissorio con quella emessa dal primo giudice».

L’acquisto di bitcoin può integrare il reato di autoriciclaggio?
Ai fini dell’integrazione del reato di autoriciclaggio «non occorre che l’agente ponga in essere una condotta di impiego, sostituzione o trasferimento del denaro, beni o altre utilità che comporti un assoluto impedimento alla identificazione della provenienza delittuosa degli stessi, essendo, al contrario, sufficiente una qualunque attività, concretamente idonea anche solo ad ostacolare gli accertamenti sulla loro provenienza».

Non serve porre una domanda retorica al committente per far slittare in avanti il termine già scaduto per la consegna di beni appaltati
«Non è in buona fede l’appaltatore che ponga una domanda al committente pur conoscendo già la risposta, quasi a voler ottenere, una sorta di rimessione in termini, quando il termine finale per la consegna per la fornitura dei beni appaltati è già spirato, con ogni conseguenza in ordine alla legittima applicazione da parte del committente di una penale pecuniaria giornaliera».

Vizi per mancata insonorizzazione dell’edificio: la valutazione va fatta con riferimenti ai canoni tecnici disponibili
Con riferimento alla valutazione dei vizi e dei gravi difetti di insonorizzazione degli edifici ai sensi e per la rilevanza delle azioni previste dagli artt. 1667 e 1668 c.c., il D.P.C.M 5 dicembre 1997, pur non trovando diretta applicazione tra le parti private successivamente all’approvazione della l. n. 88/2009, può essere comunque tenuto in considerazione quale criterio fattuale di riferimento per determinare lo stato dell’arte esigibile all’epoca di realizzazione del fabbricato, in quanto espressione dei canoni tecnici sulle sorgenti sonore suggeriti delle ordinarie regole dell’arte.

Fornitura di mobili pagata con l’assegno inutilizzabile del fratello: condannato per truffa
Evidente la maliziosità nel comportamento del compratore, che ha volutamente omesso di comunicare al negoziante che l’assegno era emesso dal fratello e che quest’ultimo era stato bloccato dalla Centrale di allarme interbancaria per un protesto.

Ex moglie ospita a casa per dieci mesi il nuovo compagno: difficile parlare di famiglia di fatto
Riprende vigore la richiesta della donna, richiesta mirata a vedere confermato l’assegno divorzile a lei riconosciuto in primo. Messa in discussione la decisione favorevole all’uomo presa in Appello. Necessario valutare approfonditamente la convivenza tra la donna e il nuovo partner.

COVID-19: sospesa la sentenza del TAR Lazio su vigilante attesa e cure domiciliari
È ancora scontro sulla circolare del Ministero della Salute relativa alle cure domiciliari dei pazienti affetti da COVID.

Soppressa la figura professionale, illecito il licenziamento della coordinatrice
Decisiva la constatazione che la lavoratrice svolgeva mansioni più ampie, non limitate a quelle da punto di riferimento per la figura professionale cancellata dall’organico aziendale.

La procedura di licenziamento collettivo deve coinvolgere tutti i lavoratori dell’unico complesso aziendale scaturito dall’integrazione di due società
Ove il collegamento economico-funzionale tra imprese sia tale da comportare l’utilizzazione contemporanea e indistinta della prestazione lavorativa da parte delle diverse società si è in presenza di un unico centro di imputazione dei rapporti di lavoro. Ne consegue che tutti i fruitori dell’attività devono essere considerati responsabili delle obbligazioni che scaturiscono da quel rapporto, in virtù della presunzione di solidarietà prevista dall’art. 1294 c.c.

COVID-19 e sospensione del decorso dei termini processuali
«In tema di disciplina della prescrizione a seguito dell’emergenza pandemica da COVID-19, la sospensione del termine per complessivi 64 giorni, prevista dall’art. 83, comma 4, d.l. n. 18/2020, conv. con modif. dalla l. n. 27/2020, si applica ai procedimenti la cui udienza sia stata fissata nel periodo dal 9 marzo all’11 maggio 2020, nonché a quelli per i quali fosse prevista la decorrenza, nel predetto periodo, di un termine processuale».

Sequestro preventivo e diritto alla notificazione dell'avviso d'udienza
«Nel procedimento di riesame delle misure cautelari reali, la persona (o la società) nel cui interesse l’impugnazione è stata proposta ha diritto alla notificazione dell’avviso d’udienza in quanto la stessa è finalizzata all’instaurazione del contraddittorio e a consentire l’esercizio della facoltà di enunciare nuovi metodi di impugnazione […]».

Offende i Carabinieri su Facebook dopo un controllo: condannato per diffamazione
Per la Cassazione, risponde del reato di diffamazione aggravata chi posta frasi offensive sui social network anche senza fare nomi.

GIUFFRÈ FRANCIS LEFEBVRE S.P.A.
Agenzia di Chieti e Pescara
SEGUICI SU
Paolo Campi
via Virgilio 23, 65127 Pescara (PE)
P.IVA 01531220687
085.4710115 - 3284719475  -  
giuffre francis lefebvre
© Giuffrè Francis Lefebvre S.p.A. - Capitale Sociale € 2.000.000 i.v. - Sede legale: via Busto Arsizio, 40 - 20151 Milano P.IVA 00829840156 | Società a socio unico. Società soggetta alla direzione e coordinamento di Lefebvre Sarrut Société Anonyme | Governance | Privacy